intervista a Donata dell’Agriturismo Le Noci

Buondì, oggi per la rubrica #esempiditurismosostenibile vi porto con me nelle colline del Prosecco, tra Valdobbiadene e Vittorio Veneto a conoscere l’Agriturismo Le Noci.

Questa è l’intervista a Donata,  conosciuta ad un corso di Storytelling, che ho svolto lo scorso anno, presso il Consorzio di Valdobbiadene. Donata mi è sembrata, fin da subito, una persona disponibile al confronto per parlare di natura, tradizioni, storie, cibo sano e bellezza della vita. Inoltre credo sia una persona curiosa d’imparare e capace ad ascoltare davvero. Vi porto a conoscerla meglio 😉

1. Raccontaci un poco di te. Com’è vivere in campagna? e la vita in agriturismo?

La nostra storia inizia nel 2000: siamo partiti in 3 coppie con figli, con dei sogni, l’impegno economico, tanto lavoro davanti ma soprattutto, senza sapere da dove iniziare.

Il tempo ridimensiona entusiasmi e sogni, resta il lavoro, l’impegno e la passione.

Così dopo una breve convivenza restiamo io e mio marito Paolo, e dal 2002 al 2005 ci diamo da fare per mettere in funzione la struttura, con la possibilità di accogliere in 6 camere circa 17 ospiti e nella ristorazione 60 coperti.

Togliamo calcinacci, facciamo scavi, prepariamo canalette per far passare tubi, progetti da proporre e da supervisionare con normative da far rispettare, cercando di non “snaturare” questa struttura che porta il peso e la bellezza della sua storia: apriamo al pubblico nel 2006.

Dalla casa, si vedono i 12 ettari che la circondano, il bosco e i rovi si sono impadroniti di questa terra, che a suo tempo ha dato raccolti di uve, frutta, fienagione e mais per le mucche. Così con motoseghe, rastrelli, forche, un vecchio trattore cingolato, tanti amici e volenterosi famigliari cerchiamo di ripristinare i recinti e il territorio inserendo i primi animali, pecore e capre che ci aiuteranno a tenere pulita la nostra collina.

Non abbiamo nessuna esperienza nel settore alberghiero o nella ristorazione, nessuno della nostra famiglia viene da questi settori, abbiamo con noi solo la passione e il nostro entusiasmo per questa avventura, la consapevolezza di poter ampliare quello che siamo.

E condividere questo luogo meraviglioso con chi vuole stare a “casa nostra” è la nostra gioia.

2. Che tipo di eventi organizzate per farvi conoscere come agriturismo?

Grazie al passaparola, siamo noti per la ristorazione, in particolare proponiamo piatti semplici, con ingredienti Km 0.

Insegniamo a fare la pasta fatta in casa, oppure proponiamo delle passeggiate per raccogliere le erbette di campo con degustazione.

Altro esempio, le cene a tema, come la cena a piedi scalzi o l’ “Ossada”, la cena senza posate.

Altri eventi tipo sono le cene del “Cibo per la Mente” dove gli autori leggono ad alta voce, storie del nostro territorio o poesie, non solo per nutrire la pancia ma offrire agli ospiti interessati spunti di riflessione.

Un evento importante che è legato al 25 aprile è “la tosatura delle pecore”, una festa dell’azienda agricola con la possibilità di trascorrere una giornata all’aria aperta, con giochi e piccoli lavori manuali, spuntini e festa nell’aia, letture per bambini, per stare insieme in maniera semplice, come si faceva una volta.

Per 10 anni abbiamo proposto il 31 ottobre, a tutte le famiglie, la notte nel bosco, un percorso illuminato da torce per raggiungere la piana; anche questa situazione é stata magica con fuochi, storie e spuntino “velenoso”.

Oppure vacanza km 0, un percorso a piedi di 2 giorni, accompagnati da mio marito Paolo, partenza da Conegliano con tappa ristoratrice alle Noci, passando a Vittorio Veneto e rientro, per stare sulle nostre colline che ci fanno scoprire sempre angoli inattesi.

3. Avete definito il vostro agriturismo “un luogo dove rilassarsi e rivitalizzarsi”. Spiegaci meglio.

L’autenticità di una casa, l’accoglienza di una famiglia, la semplicità di un sorriso, il canto degli uccelli, il profumo dell’aria o sentire un agnello che bela, la civetta che saluta il colore della notte, noi percepiamo una beatitudine. Questo “sentire” è un dono e noi desideriamo aprire la nostra casa affinchè possa goderne, chi lo desidera.

4. L’agriturismo é da considerarsi una leva di sviluppo locale; in che modo intendi sviluppare il turismo sostenibile con l’agriturismo che gestisci?

Usiamo tecnologie alternative per il riscaldamento: fotovoltaico, pannelli solari, caldaia a legna, lampade al led; inoltre prestiamo attenzione ai consumi senza privarci delle comodità.

Il silenzio della notte è un bisogno che qui da noi si può sperimentare; il canto del gallo non è un disturbo ma un “servizio” che andrebbe aggiunto alla lista di Booking 😉

Così come non c’è la televisione nelle camere e mettiamo a disposizione una biblioteca con romanzi, anche in lingua straniera.

5. Quali sono le peculiarità che vi contraddistinguono? E i punti di forza e le criticità maggiori che incontrate quotidianamente?

La nostra forza sta proprio nella nostra scelta: “noi siamo così, non diciamo niente di diverso da quello che facciamo” e questo non vuol dire che non abbiamo “momenti di stanca” o voglia di cambiamenti; anche vivere in agriturismo col passare del tempo se ne perde la poesia. Soprattutto, per me, il lunedì quando mi sento stanca è negativo, ma già dal pomeriggio la mia mente si rilassa, e col martedì sono già pronta per creare un’altra splendida vacanza da far trascorrere ai nuovi arrivati.

7. In che modo i social network sono utili per il tuo agriturismo? E il sito internet?

Alcuni strumenti validi di promozione per l’ospitalità del nostro agriturismo sono i social.

Facebook è stata una rivelazione, appena ne ho appreso le funzionalità!

Facebook é comodo per il territorio locale; ho potuto pubblicizzare le nostre attività e i nostri eventi; così ho smesso di girare con le fotocopie per i negozi! 😉

Utilizziamo anche Instagram; inoltre siamo presenti in vari portali a pagamento o gratis per farci conoscere e promuovere la nostra attività.

Il sito internet attualmente è in rifacimento; ma sempre pensando “a chi siamo e quello che siamo” perchè le persone che arrivano, anche da lontano, non abbiano aspettative diverse, ma consapevolezza di quello che possono trovare. La nostra idea é quella di trasmettere “l’agriturismo giusto per le persone giuste”.

Il sito quindi intendiamo sia una bella vetrina, per conoscere il territorio circostante, attraverso dei percorsi a piedi o in bicicletta. Il tutto accompagnato dalla possibilità di mangiare prodotti semplici del territorio.

8. Trovo molto efficace il “libro degli ospiti”, un quaderno che raccoglie i ricordi, scritto dai turisti che soggiornano presso l’Agriturismo. Come funziona?

Sono curiosità ed emozioni che i nostri ospiti lasciano scritto nel quaderno al termine della loro esperienza e che noi vogliamo far leggere anche a chi è lontano.

Ci siamo accorti, infatti, che hanno delle belle percezioni e spesso usano termini ed espressioni particolari, in grado di trasmettere le loro proprie esperienze ad altri futuri ospiti.

E con queste percezioni ispirazionali, vi saluto, nella speranza di avervi fatto venire una voglia irrefrenabile di andare a trovare Donata, Paolo e l’Agriturismo Le Noci.

 

A presto,

Francesca

intervista a Federica e Claudio della Eco Guesthouse Agrilunassa

Ricordate la rubrica #esempiditurismosostenibile inaugurata a gennaio? Bene, cerco di portarla avanti, con qualche ritardo nell’uscita 😅, eccoci qui con una nuova intervista, fatta ad una struttura ricettiva Eco-Sostenibile che si trova in Liguria, a Bordighera, e si chiama Agrilunassa.

Ho avuto il piacere di conoscere i proprietari, Federica e Claudio, lo scorso novembre a Lavarone (TN) in una giornata di workshop di Turismo Sostenibile organizzata da Ecobnb, Community on line di strutture ricettive ecofriendly. La Conoscete?

Da subito si è stabilita una bella intesa e man mano che parlavamo, abbiamo condiviso i nostri interessi e priorità.

Mi è rimasta dentro la passione che questa coppia trasmette, la grande voglia di condividere le loro esperienze di vita! E si percepisce una forte attitudine ad aiutare gli altri attraverso un percorso di lavoro in se stessi.

1. Allora, Federica, Claudio, raccontateci un poco di voi due. Venite entrambi da Milano : perchè questo cambiamento di vita? Quali sono le motivazioni alla base di questa scelta?

Federica: sin da piccola, è stata viva in me la creatività. Adoravo passare il mio tempo a costruire, progettare; raccoglievo pezzi di stoffa e di piastrelle e, con una nonna sarta, ho imparato a cucire, creando, da sola, astucci per la scuola, vestiti, borsette, collanine e braccialetti per tutte le mie amiche. Tutto ciò che era “fai da te” mi affascinava e mi dava una forte gratificazione.

Nella scelta degli studi ho seguito tutt’altra strada e sono diventata avvocato. Non ho mai messo da parte la mia vena creativa e ho continuato per hobby tutte le mie attività in questo campo.

La professione di avvocato non si è rivelata così gratificante come speravo. Sentivo l‘esigenza di essere più vicina al prossimo, di condividere il mio mondo interiore; questo mi ha spinta a diventare insegnante di yoga, e così ho trovato l’equilibrio giusto per cambiare vita. Ho abbandonato così la professione forense e ho fatto un cambiamento radicale.

Claudio: ho fatto l’imprenditore nel campo cinematografico, ho lavorato con le maggiori case di produzione pubblicitarie in diversi documentari e spot, che hanno ricevuto importanti riconoscimenti italiani e internazionali.

Sono un grande sportivo, oggi pratico mountain bike, golf e quest’anno mi cimenterò nel surf! Questo é il mio concetto di vita: “salute, passione e condivisione sono fondamentali per la crescita di un uomo libero e di mentalità Open Mind”.

Federica: il nostro sogno è sempre stato quello di vivere al mare, così, unite la mia voglia di cambiamento e la sua mentalità aperta, nel giugno 2011, ci siamo trasferiti a Bordighera; il nostro progetto lo chiamavamo “Life Style”; la nostra nuova casa, immersa nella campagna, con una vista meravigliosa, ci ha insegnato a coltivare e a prenderci cura del giardino e degli animali, rispettando i tempi lenti della natura.

Dopo qualche anno si è presentata l’opportunità di acquistare un vecchio rustico, accanto alla casa dove abitiamo, e così abbiamo deciso di ristrutturarlo. Finalmente, abbiamo potuto rimetterci in gioco e sfoderare la nostra creatività e passione. Così è nata Agrilunassa Eco Guesthouse!

2. Agrilunassa è una struttura ricettiva eco-sostenibile, quali sono gli accorgimenti che sono stati utilizzati nella ristrutturazione per definirla tale?

Durante la ristrutturazione abbiamo utilizzato materiali a basso impatto ambientale. Il tetto di legno ventilato è coibentato con pannelli di fibra di legno, gli intonaci interni ed esterni sono in biocalce, i pavimenti sono in cemento cerato, gli infissi sono in legno con tenuta termica per il risparmio energetico.

L’arredamento è fatto con materiale di recupero o costruito personalmente da noi e la disposizione e i colori delle camere è stata fatta nel rispetto dell’antica tradizione cinese del Feng Shui, in modo da creare armonia.

Tutte le lampadine sono a risparmio energetico e si effettua la raccolta differenziata. L’accesso alla struttura è esclusivamente pedonale.

La scelta che ci ha spinto a creare una struttura eco-sostenibile è una scelta consapevole di rispetto verso l’ambiente e il “nostro” mondo.

3. In che modo intendete sviluppare il turismo eco-sostenibile attraverso la Guesthouse?

Agrilunassa Eco Guesthouse propone ai propri ospiti delle attività all’aperto come passeggiate a piedi o in mountain bike, yoga, sport o attività legate alla natura come whale watching, climbing, raccolta di frutta, verdura ed erbe aromatiche, corsi di green art.

Inoltre, per le nostre colazioni, offriamo prodotti naturali o a km 0.

Abbiamo in programma corsi di yoga, abbinati all’uso della bicicletta, allo sviluppo dell’intelligenza emotiva o al coaching.

4. Quali sono i principali punti di forza e di debolezza dell’area in cui vi trovate?

Siamo a Montenero, un villaggio nel comune di Bordighera, sorto nel V° sec. A.C., a circa 300 mt. dal mare, sull’Aurelia verso Sanremo.

Montenero è un tipico colle rurale con una vista mare mozzafiato, completamente immerso nella verde campagna, fatta di tipici terrazzamenti liguri coltivati a eucalipti, olivi, mimose e ginestre.

I suoi punti di forza sono la pace, la tranquillità, la natura e soprattutto la splendida vista mare.

A due passi, é possibile raggiungere il borgo della città alta, dove si può passeggiare nei tipici carruggi e gustare i piatti liguri nei caratteristici ristorantini.

Bordighera deve il suo clima mite alla sua particolare posizione geografica, riparato dai freddi venti del nord dalla catena delle Alpi e dall’Appennino settentrionale. Questo influenza anche le temperature invernali, che si mantengono tra i 10 e i 15 gradi di media (a dicembre abbiamo mangiato in giardino!)

Possono sembrare punti di debolezza l’assenza di agi e servizi di lusso, i quali non vengono forniti per una nostra scelta consapevole.

5. Il vostro sito é basato in una strategia Visual ben definita, potete spiegarci come l’avete realizzato?

Federica: le fotografie, le riprese video e la regia sono curati da Claudio; il montaggio dei video e la realizzazione del sito internet da nostro figlio Giacomo; i testi sono redatti da me.

Tale scelta è data dalle competenze di ognuno di noi, senza trascurare la volontà di lavorare in condivisione.

Nel sito si parla di noi e le fotografie e i video esprimono il nostro messaggio, per far sì che gli ospiti possano conoscere la nostra realtà ed apprezzare quanto offriamo, valorizzando il territorio e le risorse locali culturali e paesaggistiche.

Le fotografie, in particolare, mostrano il recupero conservativo dell’edificio e la passione che abbiamo messo nella realizzazione del progetto.

Si tratta di un progetto di comunicazione integrata; è iniziato prima della ristrutturazione, con le foto, poi con la realizzazione del sito e, di recente, con la pubblicazione del 1° video di una serie di 10, che verranno pubblicati ogni 15 del mese nel corso dell’anno corrente.

6. Quali sono i Social Media che utilizzate per promuovere la vostra attività turistica?

I social utilizzati sono Instagram, Facebook e You Tube. Qui vengono condivisi i video e le fotografie scattate in estemporanea nei momenti più significativi. Pensiamo che siano efficaci, perché al giorno d’oggi le persone sono particolarmente attive sui social e, anche per questo, ricerchiamo di continuo piattaforme di promozione di turismo, soprattutto eco-sostenibile.

Bene, mi auguro di avervi invogliato a andare a conoscere di persona Federica e Claudio presso Agrilunassa, io ci sto già facendo un serio pensierino! 😉

A presto, Francesca

Intervista a Paolo Caneva, accompagnatore di Viaggi in Etiopia

Qualche mese fa ho re-incontrato un amico, Luca, che era appena tornato da un Viaggio in Etiopia e mi raccontato, con la gioia nel cuore, di un’esperienza unica e autentica che aveva provato nel suo viaggio. Dal suo racconto percepivo una profonda voglia di ritornarci, non appena possibile.

Mi ha colpito la modalità di svolgimento dell’esperienza: accompagnati da una persona italiana, completamente integrata, che ha contatti diretti con le comunità locali, che cerca di sviluppare il turismo sostenibile. Ho chiesto di essere messa in contatto con questa persona, Paolo Caneva, e grazie a whatsup (santo subito!) e qualche scambio di e-mail abbiamo concordato un’intervista.

Si tratta di un’intervista un po’ speciale: è a 4 mani (o meglio a 6, per la verità!) in cui Paolo, ci parla come organizzatore del viaggio e Luca, invece, ce ne parla come turista, visto che il viaggio l’ha fatto in prima persona!

Raccontaci un po’ di te…com’è vivere in Etiopia?

Sono originario di Udine, vivo e lavoro come accompagnatore in Etiopia perchè mi consente di avere uno stile di vita più tranquillo, a misura d’uomo.

La prima volta che sono venuto in Etiopia è stato nell’agosto del 2004, ho partecipato ad un campo di lavoro, organizzato dalla diocesi di Udine. Nel gennaio del 2005, poi, sono venuto a vivere in Etiopia; mi sono sposato nell’aprile del 2006 con Shitaye. Mia moglie è etiope, abbiamo 4 figli nostri: Teresa, Mary, Francesco, Pietro ed una bambina adottata, Tzagà.

Per motivi religiosi, ho scelto di collaborare con la Chiesa Cattolica. Ho fatto diverse esperienze ad Addis Abeba, Wolisso e Debre Markos, poi dall’agosto del 2006 ho firmato una convenzione con il Vescovo di Emdibir e quello di Udine in qualità di missionario laico Fidei Donum. In seguito, però, nel luglio del 2013 questa convenzione è stata interrotta in quanto ho deciso di trasferirmi ad Addis Abeba con la mia famiglia, dato che le figlie, in questa città, frequentavano la scuola italiana. Ho deciso però di continuare ad accompagnare gruppi di persone in Etiopia, per farla conoscere meglio, al di fuori dei flussi turistici di massa.

In Etiopia ci sono delle grandi differenze sociali, poche persone molto ricche, tante persone poverissime. Noi, come famiglia, abbiamo tutto quello che ci serve, abbiamo una casa in muratura, l’acqua e la luce ci sono quasi sempre.

Perché l’Etiopia? il tuo futuro in che paese lo vedi?

Come cattolico dico che “la provvidenza ha deciso per me”. Io sono semplicemente andato all’ufficio missionario della diocesi di Udine e mi hanno proposto l’Etiopia, così sono partito e mi sono “af-fidato”.

E’ difficile pensare a dove sarà il mio futuro, anzi, devo dire il nostro, dato che penso come famiglia e non come singolo. Vivo in città, dove la vita è molto pesante, tanto traffico e tanto inquinamento, mi piacerebbe rientrare in Italia, ma non so quando sarà possibile, ci stiamo pensando.

In che modo intendi sviluppare il turismo solidale e responsabile in Etiopia?

Sto cercando di farmi conoscere, sto studiando nuovi itinerari. Il tipo di turismo che propongo è una novità assoluta, nessuno lo sta facendo, ancora qui. Certo, non è per tutti! Ci vuole: la voglia di rischiare, di mettersi in gioco e soprattutto il desiderio di guardarsi dentro.

5. Che cosa intendi per turismo di “missione”?
Paolo: Organizzo degli itinerari in cui i pernottamenti sono all’interno delle missioni cattoliche, è un turismo diverso, che permette di vedere l’Etiopia da vicino, di capire, non è solo un viaggio del corpo, ma anche dell’anima.

Luca: il viaggio in Etiopia con Paolo è sicuramente fuori dal paradigma del viaggio da turisti, ma non per questo meno interessante o scomodo, anzi! L’Etiopia non è un paese che dispone di strutture alberghiere adatte ad accogliere il turista occidentale, tanto che molti tour operator offrono il viaggio in questo paese con il pernotto in tenda. L’appoggio alle strutture cattoliche invece garantisce un tetto, l’acqua e la corrente (quasi sempre!) Ma il vero vantaggio è la vicinanza delle missioni alle persone. Non c’è agenzia viaggi che abbia una relazione forte, duratura ed intima con le persone come i missionari. Questo permette di raggiungere, vedere, conoscere posti che nessun altro ti può proporre.

Che tipo di escursioni organizzi?
Paolo: Propongo escursioni in posti turistici minori, desidero far conoscere la “vera” Etiopia.
Ho molti contatti diretti con i villaggi, dove accompagno i turisti, con i religiosi e con le persone del luogo.

Luca: Abbiamo potuto vedere alcuni parchi, godendo di panorami mozzafiato e la vista di alcuni animali veramente selvatici, non come in altri posti dove si è praticamente in uno zoo. Poi, la realtà delle missioni permette di vedere scuole, villaggi ed ospedali che consentono di conoscere la realtà del paese, dal punto di vista sociale e religioso. Perché bisogna tener conto che visitare l’Etiopia escludendo il lato religioso vuol dire non conoscere l’Etiopia. Non mancano ovviamente le visite alle città e ristoranti, godere della cucina tipica e dello street food.

Come tornano i turisti che accompagni alla fine del viaggio?
Paolo: Alla fine del viaggio sono cambiati, hanno vissuto un viaggio, un’esperienza che fa crescere e pensare.

Luca: Ero aperto all’adattamento, che si sa, quando si va in Africa è d’obbligo. In realtà le strutture cattoliche fornivano un comfort al di sopra delle mie aspettative, senza ovviamente poter superare quei problemi strutturali del paese (tempi degli spostamenti, black-out elettrici o mancanza di connettività di rete). Bisogna tener conto di grandi tempi morti, che dopo il tramonto la giornata è finita, si resta a casa in attesa che il sole sorga pronti per una nuova giornata.
Si torna a casa sicuramente arricchiti, pieni dei ricordi dei sorrisi, della gioia e della semplicità delle persone. E poi ci sono i missionari, persone dal cuore grande, che hanno fatto della loro vita un totale gesto d’amore.

Perché hai deciso di sviluppare questa forma di turismo sostenibile?

Perché aiuta i turisti a crescere nello spirito e a riflettere sul loro stile di vita. In Italia si corre troppo, senza motivo. Un viaggio in Etiopia permette di riflettere sulle vere priorità di ciascuno e, spesso, cambiarle.

Come possiamo trovarti?

Ho un sito internet: www.volontariatoetiopia.org però la connessione in Etiopia è molto scadente, per cui faccio fatica a gestire tutto quello che necessita di internet. Rispondo quotidianamente alle email che arrivano, questo è il mio indirizzo: paolo.caneva@gmail.com

Funziona molto il passaparola, vivo qui da molti anni, tanti sono stati qui , e chi mi ha conosciuto, mi aiuta a promuovere l’iniziativa che sto portando avanti.

Vuoi lasciare un messaggio a chi sta leggendo?
Paolo: L’Etiopia è un paese meraviglioso, con il viaggio che vi propongo avrete la possibilità di toccare con mano la realtà.

Luca: E’ sicuramente un’esperienza da proporre a chi è curioso. Non richiede vaccinazioni o chissà quale adattamento, forse solo un po’ di elasticità sul cibo. Per il resto c’è tanto sole da scaldare l’anima 🙂

 

Ringrazio Paolo per essersi messo in gioco e parlarci delle bellissime esperienze di turismo responsabile che organizza.  Un ringraziamento speciale anche a Luca Giacomelli per le sue parole di avvicinamento all’esperienza e alle sue meravigliose foto di viaggio.

Dena Hunu! Arrivederci (in etiope) 

Melkam Guzo! Buon Viaggio (in etiope)
Francesca

 

Il viaggio attraverso il cibo


Qualche settimana fa ho partecipato alla serata conclusiva del progetto l’Infinito Viaggiare: storie, letture e racconti della”società del migrare”, progetto coordinato dall’associazione LIES (laboratorio d’inchiesta economica e sociale) che ha avuto l’obbiettivo di dar vita a dei percorsi culturali in grado di favorire la coesione sociale.

Il progetto è stato articolato in varie azioni da parte di più soggetti partecipanti nel corso di tutto l’anno 2016: alcune librerie indipendenti, alcune associazioni e cooperative che si occupano di integrazione, educazione e teatro. Le azioni implementate si sono suddivise in una serie di presentazioni di libri, di incontri, di mostre e anche di un paio di passeggiate interculturali sul tema delle immigrazioni e del cibo, dal titolo: in viaggio attraverso il cibo…il piatto dell’amicizia”.

Il cibo infatti parla di noi, delle nostre origini, dei nostri gusti e disgusti.

Ecco perchè l’abbiamo utilizzato come un marcatore tangibile e simbolico dei confini che caratterizzano lo spazio sociale.

“Mangiare è distinguere, discriminare, ma è anche includere e accogliere” cit. Pamela Pasian

Come Associazione Vite in Viaggio abbiamo portato avanti l’iniziativa attraverso eventi aperti a tutta la cittadinanza: delle passeggiate, appunto per scoprire degli spazi urbani con gli occhi di giovani migranti o di origine migrante per elaborare insieme dei tragitti, partendo dal loro sguardo della città e sulle traiettorie che quotidianamente percorrono.

Nello specifico, in collaborazione con la Prof.ssa Franca Bimbi, dell’Università degli studi di Padova, assieme a Pamela Pasian, ricercatrice di sociologia dipartimento FISSPA, e Carmen Gurinov, accompagnatrice turistica, abbiamo fatto un bando per selezionare 10 immigrati o figli di immigrati (nati in Italia o all’estero) dai 18 ai 35 anni per intraprendere un percorso come accompagnatori interculturali.

Il lavoro si svolto in due incontri in aula; nel primo abbiamo cercato, come organizzatori, di innescare la conoscenza tra le partecipanti (si, 5 ragazze! ) e di coordinare un dibattito a proposito dei diversi cibi, stili e abitudini nei vari paesi di origine.

Poi nel secondo incontro abbiamo approfondito gli aspetti più tecnici per la creazione di itinerari turistici nella città di Padova: il turismo tematico, la definizione di itinerari costruiti, pensando al tema specifico del cibo. Inoltre abbiamo sottolineato come l’esperienza potesse essere un chiaro esempio di turismo responsabile, cercando di comprendere quali caratteristiche avrebbe dovuto avere:

  • partecipazione attiva delle varie attività coinvolte (negozi, ristoranti, locali, bar) con una piccola intervista fatta al responsabile dell’attività per far comprendere ai partecipanti la provenienza dei migranti e trasmettere al pubblico le motivazioni che li hanno portati fin qui;
  • mobilità sostenibile: muoversi a piedi o utilizzando i mezzi pubblici;
  • coinvolgimento della comunità per l’organizzazione dell’evento e per lo sviluppo di un confronto aperto tra i partecipanti;
  • ri-scoperta di itinerari urbani visti con gli occhi di chi ci abita.  

Che altro dirvi? Per me, come co-organizzatrice, è stata un’esperienza professionale sicuramente molto stimolante che mi ha permesso d’apprendere cose nuove e di capire meglio punti di vista e di gusto  😉 diversi dal mio e altrettanto gustosi, ve lo assicuro! Sono stata molto orgogliosa perchè ho visto le ragazze crescere, le accompagnatrici interculturali, Sonya, Meriem, Marcela, Francesca, Leyla, hanno preso via via maggiore sicurezza nel prendere contatti con i gestori dei locali, nella collaborazione reciproca, nel parlare in pubblico e alla fine sento che hanno acquisito maggiore fiducia in loro. Abbiamo raccolto il frutto delle passeggiate costruite e le ricette del loro paese in una guida che potete scaricare qui in formato pdf: http://bit.ly/2lPQbYX

Non vedo l’ora che arrivi il prossimo incontro con loro, perchè il progetto delle passeggiate interculturali riparte anche quest’anno a partire da marzo con alcune ore di formazione in aula alternate da 3 passeggiate in giro per a città.

Alla prossima passeggiata interculturale!

Personal branding per le persone e per gli hotel

Sto sviluppando giorno per giorno maggiore consapevolezza delle mie potenzialità e in un ottica di farmi conoscere meglio e far capire di che cosa mi occupo ho iniziato un per-corso di personal branding per Francesca. Di che cosa si tratta? Di un’attività personalizzata di promozione di se stessi, in cui partendo dai propri punti di forza, si ha l’obbiettivo di accrescere la propria visibilità perché, col tempo, ci venga riconosciuta come una competenza e si acquisisca una reputazione che online viene detta web reputation.

Qualche settimana fa ho trascorso alcune ore per dedicarmi a sviluppare il mio personal branding, partendo proprio dall’immagine assieme ad una professionista di gran qualità: si chiama Silvia Pasquetto ed è una fotografa. Conoscevo Silvia da un po’ grazie ad alcuni amici in comune e la ammiravo perché ritengo abbia il gran dono di saper catturare lo sguardo e il momento giusto per scattare la foto, cogliendo la luce nelle persone fotografate. Inoltre questo mese ho iniziato un corso di fotografia per imparare e migliorare la mia tecnica fotografica e l’ho contattata per chiederle dei consigli a proposito dell’attrezzatura da utilizzare e lei si è sempre dimostrata disponibile e gentile. E’ per tutti questi motivi che, quando ho pensato ad una professionista a cui chiedere alcuni scatti per il mio blog mi è venuta in mente subito lei.

Abbiamo fatto prima un incontro preliminare per capire bene cosa volevo e poi zack! È scattato lo shooting fotografico! Wow, che bella esperienza! Siamo partite subito con un caffè e un pezzo di dolce per darci la carica 😉 e poi abbiamo selezionato insieme il trucco e l’abbigliamento, compresi gli occhiali: a me tanto cari! Per il parrucco ovvero sia per i capelli avevo già provveduto il giorno prima (come mi era stato saggiamente consigliato). Prima di cominciare abbiamo concordato assieme di fare alcuni scatti mentre ero seduta alla mia scrivania intenta a lavorare; successivamente Silvia ha fotografato alcuni oggetti che evocano e ricordano la mia attività, una sintesi tra chi sono e cosa faccio.

E’ proprio vero che l’immagine è importante ed è una cosa imprescindibile oggi giorno quella di trasmettere emozioni ed esperienze attraverso delle immagini. E’ proprio per questo che veniamo riconosciuti, valutati e ricordati.

Tutto questo non vale solo per le persone ma è una buona regola, valida per tutti, anche per le strutture ricettive come alberghi, B&B e agriturismi.

Creare la propria immagine, costruirci un brand, associando delle forme che ci assomigliano e rappresentano e poi comunicare la nostra esistenza e farlo con una certa costanza è essenziale. Ed essenziale è anche affidarsi a dei validi partner per trasmettere il nostro messaggio sia online che offline in maniera appropriata.

E tu, caro albergatore, hai qualcuno che cura la tua immagine ed esalta i punti di forza del tuo albergo? Nel caso in cui tu risponda scuotendo la testa, contattami, posso aiutarti a dare visibilità alla tua struttura e farla conoscere attraverso alcune azioni specifiche di web marketing.